I Segreti di Londra -Corrado Augias-

Prima di giungere alla vera e propria recensione del libro, vorrei raccontarvi “il nostro incontro”.

Qui si torna di nuovo indietro, nel 2008 quando lo acquistai per caso in un autogrill: ero indecisa tra “I segreti di Londra” e “I segreti di Parigi”. Non ricordo quale fu il motivo che mi portò alla scelta di Londra piuttosto che Parigi: adoro entrambe le città, pur non avendo visitata nè l’una nè l’altra.

Fatto sta che iniziai a leggere questo libro, e subito mi prese, mi catturò. Ho lasciato sul comodino per tre lunghi anni questo libro, e solo poco tempo fa ho ripreso la lettura: sembrava ieri. Mi ricordavo tutto, ogni particolare e soprattutto dove ero rimasta (in questo mi aiutò anche il segnalibro…).

Ed eccoci dunque arrivati alla recensione vera e propria: dal titolo pensavo che si parlasse di cospirazioni a corte, segreti oscuri in periodi difficili. E invece l’autore ci porta in giro per la città, e più precisamente in alcuni quartieri della città, e ci fa scoprire la Londra che nei tour abituali non vedrete mai. Non solo: ogni volta, in ogni capitolo, Augias fa un’analisi storica, culturale e descrive i suoi presonaggi nel tempo in cui vissero. Le descrizioni sono minuziose e allo stesso tempo non annoiano, anzi ti ritrovi immerso con i personaggi nella storia del momento. E si passa dai Beatles, a Diana, passando per la Guerra di Crimea ed i suoi ospedali da campo (e non) mal attrezzati. Ci si addentra nei caffè e nelle discussioni filosofiche di ragazzi/studenti che lasceranno un segno nella storia.

La lettura è più che consigliata e di questa collana fanno parte: “I segreti di New York“, ” I segreti di Parigi” e “ I segreti di Roma“. Inutile dire che andrò a leggere tutta la serie e non solo, in quanto proprio il modo di scrivere e di raccontare di Augias mi hanno letteralmente rapita.

Cosa altrettanto gradita, spesso all’interno vengono citati libri o autori. Durante la lettura ho preso nota, e anche loro rientrano nelle mie prossime letture.

Spero, come sempre, di avervi incuriosito e buona lettura.

PS: ci tengo a precisare che le foto delle copertine, sono proprio quelle del libro che ho letto (l’edizione).

ArtEC

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...