Colori per Pittura su Vetro: Tipi, Utilizzo e Considerazioni Personali (2)

Eccomi qui a terminare di raccontarvi la mia esperienza con i vari colori per vetro che ho potuto testare. Piccolo riassunto: abbiamo paralto di Maimeri, marabu e Pébéo: tutti colori a freddo, cioè non necessitano di cottura. Questa volta invece di parlerò di colori sempre Pébéo ma che si chiamano Vitrea 160, perchè necessitano di cottura. In pratica si dipinge normalmente, anche se sono più densi rispetto ai precedenti, si lascia asciugare per un giorno e dopo si cuoce nel normale forno di casa. Sembreberre facile, ma in realtà bisogna fare molta attenzione ai vari passaggi e alla cottura. In ogni caso, per vedere la differenza, potete vedere nell’album “I miei lavori” il piatto con le rose e il boccale sono stati dipinti con questa tecnica. Per il momento è tutto, per quel che riguarda i colori. Come sempre se avete domande, suggerimenti o critiche non esitate a farvi sentire, sempre in modo educato e corretto però ;) )

Vi aspetto alla prossima puntata in cui parlerò dello strumento per eccellenza: il pennello!

Ciao

 

ArtEC

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...